VIOLENTE CELLE TEMPORALESCHE IN FORMAZIONE TRA N-ITALIA E CENTRO EUROPA

Il bollettino del centro europeo per le previsioni delle tempeste anche conosciuto come ESTOFEX, rilascia un bollettino molto violento in termini di fenomeni.

I fenomeni più intensi con un livello 2 sono attesi in diverse parti della Francia e del Belgio, in Lussemburgo, S-Svizzera, S-Austria e N-Italia, S-Regno Unito e Germania centrale principalmente per formazioni di celle temporalesche che causeranno forti piogge. Per il N-Algeria è stato emesso un livello 2 principalmente per grandine anche di grande dimensione, pioggia eccessiva e forti raffiche di vento.

 

 

 

 

 

 

Un livello 1 circonda le aree di livello 2 con rischi simili ma con probabilità inferiori. Inoltre, alcune gravi raffiche di vento e grandi eventi di grandine sono possibili e non si può escludere un evento di tornado isolato su S-UK.

La seguente immagine del modello GFS mostra i valori di alcuni indici temporaleschi, CAPE e Lifted Index, i quali risultano estremamente alti nel nord Italia e nel centro Europa.

CAPE (CONVECTIVE AVAILABLE PONTENTIAL ENERGY)

<500 Assenza di temporali
500-1000 Possibilità di sviluppo di celle isolate
1000-2000 Moderata instabilità, possibile formazione di multicella
2000-3000 Elevata instabilità, formazione di temporali violenti e anche autorigeneranti, locali supercelle
>3000 Elevatissima instabilità, fenomeni violenti estesi, possibilità di supercelle HP (alto potenziale)

 

 

 

 

 

 

LIFTED INDEX

>2 Assenza di temporali
2 / 0 Possibilità di sviluppo di celle isolate
0 / -2 Moderata instabilità, possibile formazione di multicella
-2 / -4 Elevata instabilità, formazione di temporali violenti e anche autorigeneranti, locali supercelle
<-4 Elevatissima instabilità, fenomeni violenti estesi, possibilità di supercelle HP (alto potenziale)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

 

 

LEGGI ANCHE:

CICLONE MEKUNU, IMMINENTE LANDFALL SULL’OMAN

GROENLANDIA, DOPPIO RECORD DI FREDDO PER MAGGIO -46,5°C

FORTE ERUZIONE DEL VULCANO MERAPI [VIDEO]

Be the first to comment

Commenta