Piogge al nord quasi certe, ma dopo incertezza totale dei modelli..

Spaghi dopo il 5 novembre, grande confusione.

Nella giornata odierna, primi temporali in arrivo sulla Sardegna, dal 3 novembre arriveranno le piogge sulla Liguria e sulla Toscana dopo un ottobre letteralmente senza piogge.

In seguito, dal 4 al 6 novembre (attendibilità medio-alta) sono attese intense piogge al nord, andando cosi ad alleviare questo lungo periodo di siccità e sicuramente cessando lo sviluppo di nuovi incendi nei boschi alpini. Regione Piemonte che sarà nuovamente la zona meno interessata dalle piogge e nevicate

L’uscita modellistica del centro di calcolo statunitense GFS odierna 06z, mostra le precipitazioni accumulate al giorno 6 novembre 2017 ore 19:00.

La neve sulle Alpi invece è attesa solo ad alte quote a causa di temperature a 850 hpa relativamente alte( 1800/2000 metri) almeno per domenica 5 novembre, quota neve che si abbasserà drasticamente nella notte fino a quote collinari (attendibilità media-bassa).

Per quando riguarda le termiche tra i due maggiori centri di calcolo GFS (Americano) e ECMWF (Europeo), attualmente c’è in grande divario sopratutto dopo il 5 novembre, di seguito il confronto delle termiche a 850 hpa il giorno 06 novembre ore 7:00 tra GFS e ECMWF:

Ma cosa succederà dopo il 5-6 novembre??

Tra siti che urlano al grande freddo e siti invece, che danno allarme ad anticiclone infinito, la risposta qual è?

Nessuno lo può sapere è inutile parlare anche di tendenza guardando ogni uscita modellistica (ogni 6h) scrivendo cosi infiniti articoli giornalieri con titoli ogni volta allarmisti.

Dunque, dando una veloce occhiata agli spaghi ESEMBLE GFS, si intuisce facilmente  come dopo il 6 novembre vi è una grande confusione.

Be the first to comment

Commenta