Modelli meteo fino a 144h, nessuna novità..

Analisi modelli.

Quasi arrivati a novembre e i modelli meteo non raffigurano niente di buono, o almeno per essere più chiari non vi è nessuna novità in vista.

C’è chi scrive di un arrivo d’aria fredda, altri al contrario scrivono di un novembre caldo, in realtà la situazione almeno per la prossima settimana è una via di mezzo, né freddo né caldo.

Situazione in stallo quindi, è un’alternarsi di anticicloni e gocce d’aria fredda che non centrano mai l’italia del tutto portando cosi molto spesso ad una veloce perturbazione con piogge veloci o quasi assenti.

Nella notte un veloce passaggio d’aria fredda ha provocato forti piogge sulle regioni adriatiche centro-meridionali, aria fredda che in queste ore sta lasciando il posto alla rimonta dell’anticiclone già situato come da prassi ormai sul resto d’Italia, almeno per le prossime 48h.

Lunedì 30 sono previste piogge sulle regioni del Sud e sulla Pianura Padana, ma anche questa volta stiamo parlando di precipitazioni deboli o medie in alcuni casi.

Martedì 31, infine dovrebbero arrivare deboli piogge anche sul Piemonte, chiaramente tali piogge non saranno in grado di risolvere il problema siccità.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non andiamo oltre il 2 novembre (144h) perché ha davvero poco senso parlare anche di sole tendenze in questo periodo.

Inoltre, mentre l’Italia è alle prese con un insistente anticiclone, siccità e incendi sulle Alpi, le Alpi austriache e svizzere stanno vivendo tutta un’altra situazione, il seguente pannello mostra l’equivalente in acqua della neve che cadrà nelle prossime 72 ore.

Ovviamente bisogna sottolineare che nel lungo termine si vedono scenari allettanti dai modelli, ma è ovvio come il lungo termine ha una validità pressoché nulla in quanto ad ogni aggiornamenti le tendenza vengono totalmente stravolte.

 

Fonte modelli: meteonetwork.it ; meteokit.com

 

Be the first to comment

Commenta