Ghiacci artici e antartici

Aggiornamento sull’estensione dei ghiacci artici e antartici

Quasi diciannove giorni dall’ultimo articolo scritto per andare a descrivere lo stato della banchisa artica e della copertura nevosa attuale dell’emisfero settentrionale. Sarà cambiato qualcosa?

Il 2018 è iniziato con un grande deficit in termini di estensione e concentrazione di ghiaccio marino, l’andamento negativo è stato probabilmente amplificato dal forte riscaldamento stratosferico, il quale come conseguenza oltre alla forte ondata di freddo in Europa ha inevitabilmente portato un forte disturbo al vortice polare.

Passato il picco dell’estensione annua il quale solitamente cade verso la metà di marzo, ora è iniziata la diminuzione verso il minimo estensionale che verrà registrato intorno alla metà di settembre.

Considerando l’estensione attuale 14.3*106 km2  molto simile tra l’altro agli anni ultimi 3 anni, il nodo cruciale sarà tra metà maggio e metà giugno.

Lo spessore dei ghiacci odierno mostra ancora un diffuso spessore medio tra 2 e 3 metri, fino ad arrivare a esuli spessori sotto il metro.

 

 

Cambiando emisfero la situazione è sicuramente migliore, passato da più di un mese l’estensione minima estiva del ghiaccio marino che circonda il continente Antartide, prossima a quella del 2017, è subito iniziato un repentino aumento dell’estensione del ghiaccio, raggiungendo quasi la media 1981/2010 come mostra la seguente immagine.

 

Per rimanere aggiornati sul monitoraggio dei ghiacci clicca qui.

Per leggere l’articolo del 10 marzo sullo stato dei ghiacci clicca qui.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Copertura nevosa ottimale, emisfero Boreale ~ Atmosphere and Climate
  2. BERING, RECORD NEGATIVO PER I GHIACCI ~ Atmosphere and Climate

Commenta